Paul e Corie in un bacio appassionato

Si sta bene a camminare “A piedi nudi nel parco”

Vivo a Roma da più di un anno, in uno di quei fine settimana da “ritorno alle origini”, di rientro a Rivoli, le cose da fare sono innumerevoli: saluti, un impegno qua e uno là, fai questo, fai quello. Ma una promessa fatta ad un amico di una vita era anche una buona occasione per ricavarsi uno spazio ed un tempo libero, spensierato, leggero.

La mia promessa ad Alfredo era quella di essere presente allo spettacolo del suo “ritorno alle origini”: da regista tornava ad indossare i panni dell’attore. Ero molto, molto curioso di vedere l’effetto che fa…

E ancora una volta il teatro, la magia del teatro, le sorprese “corsare” hanno colpito nel segno: commedia brillante, semplice, che scorre via piacevolmente rendendo la finzione molto simile ad una realtà quotidiana in cui tutti noi possiamo imbatterci.

Ed il teatro aiuta ad affrontare la realtà con un atteggiamento diverso, un sorriso che cura tutti i nostri stress, le nostre quotidiane “pesantezze”, ci alleggerisce anche di quelle scarpe pesanti che non ci permettono di fare due passi “A piedi nudi nel parco”.

Grazie ad un perfetto mix sul palco, in platea si ride, tanto, ci si sente coinvolti da attori che riescono ad interpretare il proprio ruolo con grande spontaneità ed attenzione ai dettagli.

Alla fine, si va a casa felici per le tante risate e per una promessa mantenuta. Si torna a casa convinti da uno spettacolo che cercherò di pubblicizzare e di far vedere ad altri. Perché in fondo si sta bene a camminare “A piedi nudi nel parco”.

Riccardo Bona

 

© Foto di Federico Derde